Cardo Mariano
Il Cardo Mariano nel Gatto e nel Cane, è una pianta preziosa in particolare nelle disfunzioni epatiche,è un tonico, rigenerante dei tessuti del fegato danneggiati.
Cardo Mariano

Il Cardo Mariano (Silybum Marianum) è una pianta erbacea annua appartenente alla famiglia delle Composte Tuboliflore. Originario del Mediterraneo, cresce in tutta Europa è ricca di virtù terapeutiche che la rendono preziosa in particolare nelle disfunzioni epatiche inoltre viene utilizzata come stimolante dell'attività gastrica, diuretico, febbrifugo.
Il suo estratto, è usato per migliorare la funzione epatica, proteggere il fegato e accelerare la rigenerazione delle cellule epatiche danneggiate.
Il Cardo Mariano nel gatto e nel cane previene il danno dei radicali liberi alle cellule del fegato e la formazione di leucotrieni, stimola inoltre la produzione di nuove cellule del epatiche (sintesi proteica o produzione di proteine di cellule), accelerando il processo di rigenerazione.
E' molto utile anche negli stati di affaticamento, di allergie alimentari, depressione psicofisica, stimola anche la secrezione biliare e la secrezione di latte materno.

Il Cardo Mariano è un rimedio Omeopatico e Fitoterapico ampiamente utilizzato anche in veterinaria come
Colagogo: agisce sul fegato e sui sistemi di disintossicazione stimolando lo svuotamento della cistifellea e il flusso di bile nel duodeno.
 Antiossidante: con un controllo di radicali liberi maggiore vitamina E
 Galattogeno: stimola produzione di latte materno
 Antispasmodico: allevia i crampi muscolari
 Ormoneregolatore: riequilibra gli ormoni femminili estrogeni
 Antiemorragico
Depurativo: purifica il sangue e il fegato
 Diuretico: stimola la diuresi e facilita l'eliminazione di tossine 
 Febbrifugo: regola la temperatura corporea

Cardo Mariano nel Gatto e nel Cane

Gli estratti purificati di flavonolignani dai frutti del Cardo Mariano contengono principalmente Silimarina, un composto isometrico di Silibinina, Silicristina e Silidianina.
La Silimarina che contrasta i danni di molti tipi di tossine chimiche, è appunto usata per il trattamento del danno tossico al fegato e per la terapia di supporto in infiammazioni croniche del fegato e nella cirrosi epatica.
La Silimarina e i suo isometro principale, la Silibinina, hanno dimostrato di possedere proprietà antiossidanti prevenendo così la ossidazione dei lipidi e la distruzione delle membrane nelle cellule. 
La Silibina, che si trova nel Cardo Mariano, protegge il fegato da tossine ambientali che entrano nel corpo tramite il cibo, l'acqua, l'aria e la cute. Stimola l'attività di un enzima, il Super Oxide Dismutase (SOD), che agisce come spazzino dei radicali liberi molto più potente della Vitamina E. 
A certe tossine velenose da funghi viene impedito l'accesso alle cellule del fegato da parte della Silibinina grazie alla inibizione competitiva dei recettori alle membrane delle cellule infatti il trattamento endovenoso con un derivato solubile della Silibinina è attualmente un importante fattore salvavita nella terapia standard di casi di avvelenamento da Amanita Phalloides

Cardo Mariano nel Gatto e nel Cane

Il Cardo Mariano nel gatto e nel cane è un tonico, rigenerante dei tessuti del fegato danneggiati ed indispensabile in
 patologie epatiche acute e croniche da utilizzo di farmaci 
 epatite cronica
 cirrosi epatica
 itterizia
 sensibilità a sostanze chimiche
 esposizione a tossine industriali (pet food)
 avvelenamento tossico da funghi velenosi, soprattutto l'Amanita Falloide

Precauzioni d'uso
Può avere un blando effetto lassativo transitorio, dovuto alla stimolazione della cistifellea. Da non usare in presenza di calcoli alla cistifellea o accumulo di sabbia biliare.

Grazia Foti
Naturopata

Cardo Mariano nel Gatto e nel Cane