Adonis
Aconitum Napellus
Aconitum nel Gatto e nel Cane è indicato per trattare patologie infiammatorie infettive acute ad esordio improvviso.
Aconitum nel Gatto e nel Cane
Aconitum nel Gatto e nel Cane

Aconitum Napellus appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee e cresce al di sotto dei 2.000 metri, su terreni rocciosi e montagnosi delle regioni a temperate e fredde dell’America del Nord, Europa e Asia.
I suoi principi attivi sono degli alcaloidi molto tossici concentrati soprattutto nella radice: Aconitina, Napellina, Picroaconitina, Pseudoaconitina, Aconina, Sparteina, Efedrina ed altri minori. La pianta intera radice compresa, viene raccolta durante la stagione della fioritura, triturata e macerata nell'alcol.

Aconitum nel Gatto e nel Cane

Uso Fitoterapico
Aconitum in Fitoterapia, per la tossicità dei suoi principi attivi, viene utilizzata unicamente in applicazioni esterne non sulle ferite, per lenire contusioni e dolori articolari.

Uso Omeopatico
La pianta intera fiorita con la radice, viene macerata in alcol, filtrata, diluita e succussa, per preparare le varie diluizioni omeopatiche.
Generalmente il tipo Aconitum nel gatto e nel cane, soffre facilmente di claustrofobia, come per esempio un gatto che ha terrore di stare chiuso nel trasportino, ha le vertigino dopo uno spavento, è eccitabile e impressionabile, fisicamente forte e in buona salute, con temperamento irrequieto, focoso, vivace e sanguigno, ma tende ad ammalarsi rapidamente con una debolezza altrettanto repentina.
I sintomi fisici e mentali insorgono all'improvviso come un violento uragano, ma scompaiono con altrettanta velocità.
Le dinamiche comportamentali del rimedio, sono caratterizzate da tensione emotiva, da paura intensa, forte, ansia e irrequietezza con tendenza a fobie gravi, attacchi di panico o paure della morte. I sintomi spesso si manifestano in seguito ad uno shock, ad una paura.
Il medicinale può essere usato per trattare le condizioni infettive acute quali le malattie di raffreddamento e la tosse, soprattutto in fase iniziale.
Aconitum può essere usato negli stati d'ansia, per adulti, bambini, cani, gatti e altri animali ed anche durante o dopo il parto.
Ha proprietà analgesiche, sedative, antinevralgiche, indicata nelle nevralgie facciali (del trigemino) ed in quelle sciatiche, antireumatiche, antidiarroiche.

Aconitum nel Gatto e nel Cane

Utilità
 Infiammazioni e infezioni respiratorie acute
Infiammazioni dell'apparato orofaringeo (tonsillite, faringite, stomatite)
 Infiammazioni e Infezioni oculari e auricolari
 Paura shock e ansia
 Problemi del travaglio
 Coliche addominali

Il quadro clinico di Aconitum nel Gatto e nel Cane, si può osservare dopo esposizione al vento freddo e secco, alle correnti d’aria o anche dopo un colpo di calore, emozioni intense e spaventi.
I sintomi sono caratterizzati da: estrema violenza e rapidità, rossore del viso, brividi intensi, ipertermia improvvisa ed elevata, calore intenso, sete, gusto amaro per qualsiasi cosa tranne l’acqua, tosse e sensazione di oppressione al torace, estrema irrequietezza, ansia e paura della morte.
Nella fase febbrile, possono essere presenti dolori intensi, acuti, laceranti e spesso accompagnati da parestesie.
Questi interessano prevalentemente il volto e gli arti e possono avere una base congestizia, infiammatoria o nevralgica.
I sintomi più rilevanti sono a carico dell’apparato digerente, respiratorio e cardiocircolatorio; quelli più frequenti sono la diarrea, dolori addominali, rinite acuta, faringite, laringo-tracheite, congestione polmonare, tosse secca ; tachicardia con polso duro, pieno e scattante, crisi ipertensive, disturbi vasomotori e violente palpitazioni.

Aconitum nel Gatto e nel Cane

Caratteristiche del Rimedio
 Eccitabilità nervosa e impressionabilità
 Permanente stato di allarme
 Angoscia eccessiva per la propria salute
 Costante pensiero e paura della morte
 Sensazione di pericolo
Atteggiamento di sfida, attivismo ed efficientismo, caratterizzato da superlavoro

I distretti e i tessuti del corpo verso cui Aconitum ha un'affinità particolare sono: le articolazioni, i nervi, il cuore e le arterie, il cranio e il volto, i visceri, il cervello, la mente. La lateralità del rimedio è il lato sinistro del corpo.
Aconitum nel gatto e nel cane, può essere utile anche in caso di abuso di mercurio e zolfo, o per gli effetti collaterali delle vaccinazioni

N.B. Il rimedio Aconitum va assunto per avere il massimo dell'efficacia, entro le 24 ore successive alla comparsa dei sintomi.

Grazia Foti
Naturopata

Aconitum nel Gatto e nel Cane



GattoCiCova ha finalità divulgativa e informativa di conseguenza gli argomenti trattati in questo sito non sostituiscono visite diagnosi e terapie mediche
copyright GattoCiCova tutti i diritti riservati